• Acarnania. Leukas Statere in argento (circa 345-307 a.C.) 8.49 g. 23 mm. Diritto: Pegaso in volo a sinistra; sotto Λ. Rovescio: Testa a sinistra della dea Atena con elmo corinzo; dietro, T e elmo macedone con ampia cresta. Bibliografia: Calciati, Pegasi, vol. II, p. 432, n. 151; BCD Acarnania, n. 272. Leggera patina iridescente. Bellissima/Quasi Splendida. Rara
  • Bruttium, Lokroi Epizephyrioi Statere. Circa 325-317 a. C. Argento 8,60 g. 21 mm. Diritto: Pegaso in volo verso sinistra, entrambe le ali visibili; ΛΟ in basso. Rovescio: Testa della dea Atena a destra con elmo corinzio, piccola M sul paracollo. Bibliografia: Calciati, Pegasi. Mortara 1990, vol. II p. 574, n. 5. K. Rutter, A. M. Burnett, M. H. Crawford, A. E. M. Johnston, M. Jessop Price (editori), Historia Numorum, Italy, The British Museum Press 1990, n. 2338. Sylloge Nummorum Graecorum American Numismatic Society n. 506. Sylloge Nummorum Graecorum München n.1484. Alcuni lievi graffi al diritto, altrimenti quasi splendida. Da una collezione svizzera
  • Sicilia. Catania Tetradracma. Circa 465-450 BC. Argento 17,27 g. 26 mm. Diritto: il dio fluviale andropomorfo Amenano nelle sembianze di un toro in corsa a destra; in alto, un ramo; sotto, un pesce. Rovescio: Nike, dea della vittoria, con chitone, cammina a destra con una benda nella mano destra; KATANE attorno. Bibliografia: Sylloge Nummorum Graecorum American Numismatic Society n. 1235. Collection R. Jameson, Monnaies Greques Antiques, Paris 1913, n. 1891. Sylloge Nummorum Graecorum Copenhagen n. 175. C. Arnold Biucchi, The Randazzo Hoard 1980 and Sicilian Chronology in the Early Fifth Century B. C., 1990 (Numismatic Studies n. 18) plate 3, n. 48. Giulio E. Rizzo, Monete Greche della Sicilia descritte ed illustrate, Roma Istituto Poligrafico dello Stato 1946, p. 102 n. 3, tavola IX, n. 3. S. Mirone, Le Monete dell'Antica Catania in Rivista Italiana di Numismatica vol. XXX-1917, p. 133, n. 13 (tutti dagli stessi conii). Migliore di Bellissima. Molto Rara. Dalla collezione Comery. Ex asta Roma Numismatic V, 23 Marzo 2013, lotto 86.
  • Sicilia. Siracusa Gerone II (275-215 a.C.) Bronzo 8.97 g. 21.5 mm. Diritto: Testa di Poseidone con lunga barba a sinistra. Rovescio: Tridente ornato con due delfini ai lati; sotto IEP-ΩNOΣ. Bibliografia: Calciati, Corpus Nummorum Siculorum: La Monetazione di Bronzo, n. 194. Sylloge Nummorum Graecorum American Numismatic Society, n. 964 quasi splendida/Bellissima Da una collezione svizzera
  • Re di Macedonia Alessandro il Grande (336-323 a.C.) Tetradracma in argento coniato tra il 317 ed il 311 a. C. a Babilonia. 16.99 g. 27.00 mm. Diritto: Testa di Alessandro il Grande nelle sembianze di Ercole con scalpo leonino. Rovescio: ΑΛΕΧΑΝΔΟΥ  ΒΑΣΙΛΕΟΣ. Giove seduto in trono con aquila posata sul braccio destro e lungo scettro nella sinistra; monogrammi nel campo. Bibliografia: Price, The Coinage in the name of Alexander the Great and Philip Arrhidaeus, n. 3742 Migliore di Bellissima
  • Re di Pergamo. Attalo I (241-197 a. C.) Tetradracma, circa 241 a. C. Argento 16.99 g. 29 mm. Diritto: Testa di Filetero con diadema volta a destra. Rovescio: ΦIΛETAIΡOΥ. La dea Atena seduta a sinistra, tiene la lancia rivolta in basso sulla spalla destra e appoggiata a sinistra su uno scudo ornato da una gorgona; nel campo a sinistra, una foglia di edera e A; a destra, un arco. Bibliografia: Sylloge Nummorum Graecorum Deutschland: Sammlung von Aulock, n. 7453. U. Westermark. Das Bildnis des Philetairos von Pergamon. Stockholm. 1960. Group IV A, pl. 3, V.XXIX/R3. Alcune lievi corrosioni, altrimenti, quasi splendida. Una moneta molto rara, emessa in fase di transazione, di spiccato stile ellenistico. Dall’asta web Leu numismatik VI, 9 dicembre 2018, lotto 230. Filetero governò Pergamo con notevole autonomia fino alla morte avvenuta nel 263 a. C. Suo nipote Eumene I divenne il sovrano di Pergamo: a quel tempo la città si era ormai trasformata in un piccolo regno. Filetero viene solitamente menzionato quale fondatore della dinastia regnante di Pergamo, ma in realtà è stato il sovrano succeduto a Eumenes, Attalo I, il fondatore ufficiale della dinastia Attalide in quanto è stato il primo a valersi del titolo di re. Sotto Attalo I Pergamo divenne la capitale del regno più potente dell'Anatolia.
  • Lucio Vero (161-169 d.C.) Sesterzio in oricalco coniato a Roma 26,94 g. 34 mm Diritto: L VERVS AVG ARM PARTH MAX. Testa laureate di lucio Vero a destra. Rovescio: TR POT VI IMP IIII COS II. Vittoria alata stante di fronte, volta a destra, regge un ramo di palma ed uno scudo con scritto VIC PAR poggiato su una palma  ; S C nel campo. Bibliografia: Roman Imperial Coinage vol. III, n. 1456 (Aurelius); Cohen, Description historique des monnaies frappées sous l'Empire romain, communément appelées Médailles impériales, n. 206; British Museum Catalogue Roman Empire n. 1308. Fondi leggermente ritoccati. Splendida
  • Caracalla (198-217 d.C.) Tetradracma coniato a Seleucia di Pieria, Antiochia nel 214-215 d.C. Argento. 14.25 g. 27 mm. Diritto: ΑΥΤ Κ•Μ•Α• •ΑΝΤΩΝЄΙΝΟC CЄΒ. Busto laureato di Caracalla a destra. Rovescio: •ΔΗΜΑΡΧ•ЄΞ•ΥΠΑ•ΤΟ•Δ•. Aquila ad ali spiegate stante di fronte, volta a destra con corona nel becco, stringe tra le zampe la gamba e la coscia di un animale sacrificale. Bibliografia: R. McAlee. The Coins of Roman Antioch, n. 677; M. Prieur. A Type Corpus of The Syro-Phoenician Tetradrachms and Their Fractions from 57 BC to AD 253, n. 217. Splendida.
  • Macrino (217-218 a.C.) Denario in argento coniato a Roma tra l’estate del 217 e l’inizio del 218 d.C. 3.99 g. 20 mm. Diritto: IMP C M OPEL SEV MACRINVS AVG. Busto laureato con lunga barba di Macrino, indossa una corazza. Rovescio: IOVI CONSERVATORI. Giove stante frontalmente, volto a sinistra, con fulmine e un lungo scettro. Bibliografia: Roman Imperial Coinage vol. IV, n. 73; British Museum Catalogue Roman Empire n. 66. Leggera patina iridescente. Moneta in eccezionale stato di conservazione. Fior di conio  
  • Alessandro Severo (222-235 d. C.) Denario in argento coniato a Roma tra il 222 ed il 228 d. C. 3,01 g. 19,50 mm Diritto: IMP C M AVR SEV ALEXAND AVG. Busto laureato e drappeggiato a destra. Rovescio: ANNONA AVG. L'Annona stante a sinistra, regge una pannocchia ed una cornucopia; ai suoi piedi, a sinistra, un modio. Bibliografia: Roman Imperial Coinage vol. IV, part II, London 1968, n. 133. British Museum Catalogue n. 341. Splendida. Da una collezione svizzera
  • Filippo II (247-249 d. C.). Sesterzio in bronzo coniato a Roma il 249 d.C. 17.18 g. 30 mm. Diritto: IMP M IVL PHILIPPVS AVG. Busto laureato, drappeggiato e corazzato di Filippo II a destra. Rovescio: LIBERALITAS AVGG III. Filippo I con scettro e il figlio Filippo II seduti su selle curule; in esergo S C. Bibliografia: Roman Imperial Coinage vol. IV, Part III: Gordian III-Uranius Antoninus, London 1968, n. 267a; A. Banti. I Grandi Bronzi Imperiali, vol. IV-3, Firenze, 1987, n. 1. H. Cohen. Description historique des monnaies frappées sous l'Empire Romain, Tome V: de Gordien Ier à Valérien II (238 à 268 après J.-C.). Paris, 1885, n.18. Patina verde con alcune incrostrazioni, fondo leggermente pulito, bellissima. Da una collezione svizzera.
  • Eraclio con Eraclio Constantino (613-638) Solido, 613-616 d.C. Oro, 4,45 g. 22 mm. Diritto: dd NN hERACLIYS ET hERA CONST P P A. Busti coronati e drappeggiati di Eraclio e Eraclio Constantino; sopra, una croce. Rovescio: VICTORIA - AVGYB// CONOB. Croce su tre scalini. Bibliografia: Catalog of the Imperial Byzantine Coins in the British Museum, n. 13; Manca in R. Ratto. Monnaies Byzantines et d'autres pays contemporaines a l'epoque Byzantine. Les vandales d'Afrique, les Ostrogoths en Italie, les Longobards, les Wisigoths d'Espagne, série mérovingienne Française, les Croisades, les Rois Francs (serie Carolingienne), les Empereurs et les Rois d'Allemagne, de Souabe, etc., les Empereurs et les Rois d'Italie, les Papes, les Rois Anglosaxons et Normands d'Angleterre, les autres Rois et les évêques jusq'au XIII siecle, Monnaies Orientales des Turcomans. La Plus Riche et la plus vaste collection privée. 9 Decembre 1930; Catalogue of the Byzantine Coins in the Dumbarton Oaks Collection and in the Whittemore Collection n. 8 b2; Manca in Catalogue des Monnaies Byzantines de la Bibliothèque Nationale; Sear, Byzantine Coins and Their Values, n. 747. Quasi Splendida
  • Confederazione Svizzera 20 franchi oro 1896 6.45 g. 21 mm. Diritto: CONFOEDERATIO HELVETICA. Busto dell'Elvezia a sinistra. Rovescio: 20 Fr 1896 B. Stemma crociato entro corona. Fondi lucenti. Splendida
  • Out of stock
    SVIZZERA Confederazione, 1848- 5 Franchi 1894 coniata a Berna 37.20 mm. 24.94 g. Diritto: CONFOEDERATIO HELVETICA 1894. Busto femminile, allegorico dell`Helvetia, a sinistra. Rovescio: Stemma crociato sormontato da una stella tra 20 FR; sotto, 1894 e sotto ancora B; il tutto è circondato da una corona d’ulivo e quercia. Bibliografia: J. Richter, R. Kunzmann, Neuer HMZ-Katalog band 2, n. 2-1198f; J. S. Davenport. European Crowns and Talers 1484-1968, n. 392. Splendida conservazione con patina di monetiere Data rara. VENDUTA
  • Brasile. José I (1750-1777). Peca in oro (6400 Reis) 1777 coniata a Rio de Janeiro 14.18 g. 32  mm. Diritto: JOSEPHUS. I. D. G. PORT. ET. ALG. REX. Testa laureata e drappeggiata a destra, sotto R e 1777. Rovescio: Stemma coronato entro elaborato padiglione. Bibliografia: A. Friedberg, Gold Coins of the World: From Ancient Times to the Present; an Illustrated Standard Catalog With Valuations, n. 65. Bellissima.
  • Brasile, Maria I (1786-1799) Peça in oro (6400 Reis) 1792, coniata a Rio de Janeiro. 13.91 g. 31.5 mm. Diritto: MARIA I D G PORT ET ALG REGINA. Busto a destra, indossa il velo vedovile; sotto, 1792 R. Rovescio: Stemma coronato. Bibliografia: A. Friedberg, Gold Coins of the World: From Ancient Times to the Present; an Illustrated Standard Catalog With Valuations, n. 87 Bellissima conservazione
  • Cina Repubblica Popolare Cinese 25 Yuan 1989 data stretta, zecca di Shanghai 21.95 mm. 7.78 g. Diritto: Panda seduto con ramo di bamboo; valore e titolo. Rovescio: Città purpurea o Palazzo imperiale di Pechino; 1989. Bibliografia: Friedberg, Gold Coins of the World: From Ancient Times to the Present; an Illustrated Standard Catalog With Valuations, n. 86. Fondo a specchio. Proof
  • Danimarca Re Cristiano X (1912-1947) 20 Corone oro 1916, zecca di Copenhagen 23 mm. 8.96 g. Diritto: CHRISTIAN X KONGE AF DANMARK piccolo cuore 1916 VBP. Testa a destra; AH entro taglio del collo. Rovescio: 20 KRONER 1916 VBP piccolo cuore. Stemma entro padiglione coronato. Bibliografia: Friedberg, Gold Coins of the World: From Ancient Times to the Present; an Illustrated Standard Catalog With Valuations, n. 299. Andreas Hansen fu l’incisore di questa moneta. Il piccolo cuore è il simbolo della zecca di Cophenagen.
  • Francia Napoleone I Imperatore (1804-1815) 40 Franchi in oro 1812, zecca di Parigi 12.80 g. 26 mm Diritto: NAPOLEON EMPEREUR. Testa laureata di Napoleone a sinistra; sotto, T. Rovescio: EMPIRE FRANCAISE 1812 e simboli di zecca, nel campo 40 FRANCS entro corona di alloro. Bibliografia: Gadoury, Monnaies Francaises 1789-2019,  n. 1084; Mazard, Histoire Monétarire et Numismatique Contemporaine, n. 413; Friedberg, Gold Coins of the World: From Ancient Times to the Present; an Illustrated Standard Catalog With Valuations, n. 505. Bellissima
  • Francia 100 Franchi oro 1909, zecca di Parigi 32.25 g. 35 mm. Diritto: REPUBLIQUE FRANCAISE. Il Genio alato della Repubblica scrive la Costituzione su una tavola poggiata su un cippo; a sinistra un fascio sormontato da una mano, simbolo della Giustizia; a destra un gallo simbolo della Francia: Sotto, A.B. e Dupré. Rovescio: LIBERTÈ EGALITÈ FRATERNITÈ. Nel campo 100 FRANCS 1909 in tre righe entro corona. Bibliografia: Friedberg, Gold Coins of the World: From Ancient Times to the Present; an Illustrated Standard Catalog With Valuations, n. 590. Bellissima.
Go to Top