• Cina Repubblica Popolare Cinese 25 Yuan 1989 data stretta, zecca di Shanghai 21.95 mm. 7.78 g. Diritto: Panda seduto con ramo di bamboo; valore e titolo. Rovescio: Città purpurea o Palazzo imperiale di Pechino; 1989. Bibliografia: Friedberg, Gold Coins of the World: From Ancient Times to the Present; an Illustrated Standard Catalog With Valuations, n. 86. Fondo a specchio. Proof
  • Danimarca Re Cristiano X (1912-1947) 20 Corone oro 1916, zecca di Copenhagen 23 mm. 8.96 g. Diritto: CHRISTIAN X KONGE AF DANMARK piccolo cuore 1916 VBP. Testa a destra; AH entro taglio del collo. Rovescio: 20 KRONER 1916 VBP piccolo cuore. Stemma entro padiglione coronato. Bibliografia: Friedberg, Gold Coins of the World: From Ancient Times to the Present; an Illustrated Standard Catalog With Valuations, n. 299. Andreas Hansen fu l’incisore di questa moneta. Il piccolo cuore è il simbolo della zecca di Cophenagen.
  • Francia Napoleone I Imperatore (1804-1815) 40 Franchi in oro 1812, zecca di Parigi 12.80 g. 26 mm Diritto: NAPOLEON EMPEREUR. Testa laureata di Napoleone a sinistra; sotto, T. Rovescio: EMPIRE FRANCAISE 1812 e simboli di zecca, nel campo 40 FRANCS entro corona di alloro. Bibliografia: Gadoury, Monnaies Francaises 1789-2019,  n. 1084; Mazard, Histoire Monétarire et Numismatique Contemporaine, n. 413; Friedberg, Gold Coins of the World: From Ancient Times to the Present; an Illustrated Standard Catalog With Valuations, n. 505. Bellissima
  • Francia 100 Franchi oro 1909, zecca di Parigi 32.25 g. 35 mm. Diritto: REPUBLIQUE FRANCAISE. Il Genio alato della Repubblica scrive la Costituzione su una tavola poggiata su un cippo; a sinistra un fascio sormontato da una mano, simbolo della Giustizia; a destra un gallo simbolo della Francia: Sotto, A.B. e Dupré. Rovescio: LIBERTÈ EGALITÈ FRATERNITÈ. Nel campo 100 FRANCS 1909 in tre righe entro corona. Bibliografia: Friedberg, Gold Coins of the World: From Ancient Times to the Present; an Illustrated Standard Catalog With Valuations, n. 590. Bellissima.
  • Giappone Mutsuhito (Meiji) (1868-1912) Yen in argento anno 28 (1895) 26.72 g. 38 mm. Diritto: 416 ONE YEN 900. Drago stringe la perla della saggezza tra le zampe anteriori entro una corona composita. Rovescio: YEN in lingua giapponese entro corona alla cui sommità è un crisantemo. Bibliografia: Krause-Mischler. Standard Catalog of World Coins n. Y.A25.3 Splendida
  • Gran Bretagna Re Giorgio III (1760-1820) Mezza Sterlina 1820, zecca di Londra. AV 3,27 g. 20 mm. Diritto: GEORGIUS III DEI GRATIA. Testa laurata a destra con corti capelli. Rovescio: REX FID: DEF: BRITANNIARUM. Stemma coronato. Bibliografia: Michael A. Marsh, The Gold Sovereign n. 402; Spink, Coins of England and the United Kingdom n. 3786; A. Friedberg, Gold Coins of the World: From Ancient Times to the Present; an Illustrated Standard Catalog With Valuations, n. 372; Krause, Standard Catalog of World Coins n. 673. Incisore: Benedetto Pistrucci. Splendida.
  • Gran Bretagna Regina Elisabetta II (1952-) 5 Sterline 1988, zecca di Londra. Brilliant Uncirculated In capsula entro astuccio originale con certificato della zecca di Londra n. 302. AV 39.94 g. 36.02 mm. Diritto: ELIZABETH II DEI GRA REG F D. Busto coronato a destra. Rovescio: San Giorgio a cavallo uccide con una spada il drago a terra; in basso, 1988, a sinistra U (contrassegno di Brilliant Uncirculated). Bibliografia: A. Friedberg, Gold Coins of the World: From Ancient Times to the Present; an Illustrated Standard Catalog With Valuations, n. 419. Brillante non circolata. Rara. Coniata in soli 3’315 esemplari
  • Regno di Sardegna Vittorio Emanuele I (1802-1821) Mezzo scudo 1814 in argento, zecca di Torino 17.6 g. 36.5 mm. Diritto: Busto paludato e corazzato del re a sinistra; nel taglio della spalla A. LAVY; sotto 1814. Rovescio: Stemma di Casa Savoia sormontato da corona e e circondato dal Collare della Santissima Annunziata. Bibliografia: Pagani, Monete Italiane Moderne a Sistema Decimale n. 16; Corpus Nummorum Italicorum p. 440, n. 2; Simonetti, Monete italiane medioevali e moderne, Casa Savoia da 1056 a 1946, n. 11/1; Montenegro, Monete di Casa Savoia, Regno d’Italia, n. 3. Splendida patina azzurrata. Splendida
  • Regno d’Italia Vittorio Emanuele II (1861-1878) 5 Lire 1863 d’oro, zecca di Roma 1.61 g. 17 mm. Diritto: VITTORIO EMANUELE II. Testa nuda a sinistra; sotto, data; sotto il taglio del collo, FERRARIS. Rovescio: REGNO D'ITALIA. Stemma coronato con collare tra rami di lauro; sotto L 5 tra marchi di zecca. Bibliografia:  Pagani p. 27, 479; CNI n. 34; Simonetti n. 8/1; Montenegro n. 159. Moneta ribattuta su altra moneta. Fior di conio
  • Regno di Sardegna Carlo Alberto (1831-1849) 100 Lire 1834 in oro, zecca di Torino. 32.15 g. 34 mm. Diritto: CAR ALBERTVS D G REX SARD CYP ET HIER. Testa nuda di Carlo Alberto a sinistra; entro il taglio del collo, FERRARIS; sotto, 1834. Rovescio: DVX SAB GENVAE ET MONTIS PRINC PED E. Stemma Savoia sormontato da corona con collare della Santissima Annunziata, tra rami di lauro; sotto, L 100 tra marchi di zecca. Bibliografia: Pagani, Monete Italiane Moderne a Sistema Decimale, p. 13, n. 139; Corpus Nummorum Italicorum p. 454, n. 38; Simonetti, Monete italiane medioevali e moderne, Casa Savoia da 1056 a 1946, n. 2/6; Montenegro, Monete di Casa Savoia, Regno d’Italia, n. 5; Friedberg, Gold Coins of the World from the Ancient Times to the Present, n. 1138. Bellissima/Quasi Splendida
  • Vittorio Emanuele III (1900-1946) 20 Lire 1905 in oro, zecca di Roma 6.45 g. 21 mm. Diritto: VITTORIO EMANVELE III. Testa nuda del re a sinistra; sotto, SPERANZA. Rovescio: REGNO D’ITALIA. Aquila sabauda sormontata da corona; sotto, L 20, R 1905 tra nodi d’amore. Bibliografia: Pagani, Monete Italiane Moderne a Sistema Decimale p. 41, n. 664; Corpus Nummorum Italicorum n.19; Simonetti, Monete italiane medioevali e moderne, Casa Savoia dal 1056 al 1946, n. 35/4; Montenegro, Monete di Casa Savoia, Regno d’Italia, n. 46; Friedberg, Gold Coins of the World from the Ancient Times to the Present, n. 24. Colpetti al bordo. Splendida/Quasi Fior di conio. Rara.
  • Regno d’Italia Vittorio Emanuele II (1861-1878) 100 Lire 1931 d’oro anno IX dell’era fascista, zecca di Roma 8.79 g. 23.5 mm. Diritto: VITTORIO EMANVELE III RE. Busto a capo scoperto a sinistra; sotto, nodo d’amore e G ROMAGNOLI A MOTTI INC. Rovescio ITALIA. Personificazione dell’Italia verso sinistra con lauro e fiaccola su prora di nave; a destra, valore e data; sotto la data, IX - E F. Bibliografia:  Pagani p. 38, n. 646; Simonetti n. 19/1; Gigante n. 9; Montenegro n. 20; Friedberg n. 33. Quasi Fior di Conio  
  • Regno d’Italia Vittorio Emanuele II (1861-1878) 50 Lire 1931 d’oro anno IX dell’era fascista, zecca di Roma 4.40 g. 20.6 mm. Diritto: VITT EM III RE. Busto a capo scoperto a sinistra; sotto, G ROMAGNOLI A MOTTI INC. Rovescio: ITALIA. Littore al passo; a destra, L 50 e, sotto, 1931-IX. Bibliografia:  Pagani p. 40, n. 657; Simonetti n. 32/1; Gigante n. 20; Montenegro n. 37; Friedberg n. 34. Quasi Fior di conio.
  • Zecca di Mantova Ferdinando Carlo Gonzaga Nevers (1669-1707) Scudo 1707 in argento 25.68 g. 40.5 mm. Diritto: FERD CAR D G DVX MANT MONT CAR GVAS. Busto a destra con lunga parrucca e corazza. Rovescio: CONVENIENTIA CVIQVE. Trofeo d’armi composto da cannone su affusto con ruota, canna di cannone, vessilli, corazze, scudi, spade, lance e archibugi; in basso 1707; sul taglio PRAESIDIA MAESTATIS in rilievo, tra stelle ed ornati. Bibliografia: Corpus Nummorum Italicorum. Primo tentativo di un catalogo generale delle monete medievali e moderne coniate in Italia o da italiani in altri paesi. Volume IV. Lombardia zecche minori, n. 64 Magnaguti, Ex Nummis Historia vol. VII. Le zecche dei Gonzaga del ramo dominante su Mantova, sul Monferrato e in Francia, n. 974. Monete Italiane Regionali. Volume 1. Lombardia Zecche minori, n. 731/3. Rara Bellissima  
  • Iran. Muhammad Reza Pahlavi (1941-1979). 1 Pahlavi 1339 (1960) in oro 8,08 g. 22,5 mm. Diritto: محمّدرضا شاه پهلوی شاهنشاه ایران Busto a sinistra ۱۳۳۱. Rovescio: یک پهلوی Leone stante con spada nella zampa destra; in alto corona su sole nascente. Bibliografia: Friedberg, Gold Coins of the World, n. 101. Splendida.
  • Portogallo. Maria e Pedro III (1777-1786). Peça in oro (6400 Reis) 1782 coniata a Lisbona. 31.50 mm. 14.30 g. Diritto: MARIA I ET PETRUS III D G PORT ET ALG REGES. Busti laureati e drappeggiati di Maria e Pedro a destra; sotto, 1782. Rovescio: Stemma coronato a volute con ghirlande. Bibliografia: A. Friedberg, Gold Coins of the World: From Ancient Times to the Present; an Illustrated Standard Catalog With Valuations, n. 107. Quasi Splendida
  • Girolama Colonna, seconda metà del XVI sec. Figlia di Ascanio Colonna e di Giovanna d’Aragona, compose poesie e si dedicò all’astrologia. Fu sposa di Camillo Pignatelli Medaglia in bronzo 37.86 mm Autore Domenico Poggini (circa 1520-1590) Diritto: HIERON COL ARAGON. Busto a sinistra con capelli raccolti da nastro, morbido chignon e orecchini. Rovescio: PVDICI TIA. Personificazione della Pudicizia stante frontalmente, volta a sinistra, solleva la veste con la mano destra. Bibliografia: Armand, Les medailleurs italiens des quinzieme et seizieme sicecles, vol. I, p. 191, n. 22; Toderi-Vannell, Medaglie italiane del Museo Nazionale del Bargello, n. 1475. Originale. Bellissima.
  • Francesco Zanotti (1692-1777) Filosofo e Fisico in Bologna Medaglia in bronzo. Autore F. Balugani. 83.00 g. 55.00 mm Diritto: FRANCISCVS M ZANOTTVS BONON MATH PHIL POETA MAXIMVS. Busto a sinistra con lunga parrucca, indossa un mantello di ermellino; sul taglio del collo F. BALVGANI. Rovescio: INVENIT DOC VIT PLACVIT. Obelisco su piedistallo ornato da bassorilievi e con appesi compassi, una squadra, un libro e una lira. Minerva elmata e galeata a sinistra, con scudo e lancia; a destra, un genio alato regge una corona d'alloro. In esergo PRAECEPTORI ET AMICO CASALIVS BENTIV PALEOT DEDICAVIT. Bibliografia: S. Johnson, Collezione Johnson di Medaglie. Vol. II: Sec. XVIII (A-Sonnenschein ). Milano 1990, n. 267. P. Rizzini, Illustrazione dei Civici Musei di Brescia. Parte II. Medaglie Serie italiana secoli XV a XVIII, n. 1301. Noé, Profilo nella medaglia bolognese nel settecento, «Medaglia» 19, 1984, p. 105, n. 26. Splendida fusione originale. La medaglia è stata dedicata a Zanotti da un suo allievo e amico, il marchese Gregorio Casali Bentivogli Paleotti, docente e cancelliere dell'Università di Bologna. Dall'asta Astarte XX, 30 Ottobre 2009, lotto n. 477.
  • Papa Benedetto XIII (1724-1730) Medaglia premio in bronzo per l'Accademia di San Luca senza data ma 1725. Incisori Ermenegildo e Giovanni Hamerani. 43.8 mm. Diritto: BENEDICT XIII PONT MAX. Busto del Pontefice a destra con triregno e piviale; sotto HAMERANI F. Rovescio: San Luca seduto dipinge la Madonna col Bambino; dietro al cavalletto, un bue accovacciato; sotto, HAMERANO E. Bibliografia: W. Miselli, Il Papato dal 1700 al 1730 attraverso le medaglie, Milano 1997, n. 209. W. S. Lincoln, Catalogue of Papal Medals, London n.d., n. 1701. R. Venuti, Numismata Romanorum Pontificum Praestantiora a Martino V. ad Benedictum XIV per Rodulphinum Venuti cortonensem Aucta, ac Illustrata. Roma 1774, n. XXIV. Splendida.
  • Maria Teresa d’Asburgo (1717-1780) Imperatrice d’Austria e Regina d’Ungheria Medaglia 1770 in bronzo per l’istituzione degli orfanotrofi di Milano e Mantova. 49.61 mm. 43,32 g. Diritto: MARIA THERESIA AUGUSTA. Busto di Maria Teresa a destra con ampia scollatura e velo in capo; sotto, KRAFFT. Rovescio: DISCIPL ET LABORIS TIROCINIO. Figura femminile seduta allatta un bimbo mentre un altro si appoggia alla sua gamba destra; di fronte, un ragazzo con utensili da lavoro posati a terra; in esergo ORPHANOTROPHIA  MEDIOL ET MANT  CICICCCLXX in tre righe. Autore: Johann Martin Krafft Bibliografia: C. Johnson, Le Provvidenze piu memorabili nella Lombardia Austriaca date sotto il regno di Maria Teresa, Medaglia 20, 1985, p. 7-57, n. 37. Schau- und Denkmuenzen welche unter der glorwerdingen Regierung der Kaiserinn Koeniginn Maria Theresia gepraeget worden sind, Wien 1782, n. 233.
Go to Top