Regno di Sardegna

Vittorio Emanuele I (1802-1821)

Mezzo scudo 1814 in argento, zecca di Torino

17.6 g. 36.5 mm.

Diritto: VIC • EM • D • G • REX • SARD • CYP • ET • IER. Busto paludato con corazza del re a sinistra; lungo il taglio della spalla, A. LAVY; sotto, 1814.

Rovescio: DVX • SABVD • ET • MONTISFER • PRINC • PEDEM • & • . Stemma ovale di Casa Savoia sormontato da corona reale e circondato dal collare dell’Ordine della Santissima Annunziata.

Bibliografia:

A. Pagani, Monete Italiane. Dall’Invasione Napoleonica ai giorni nostri (1796-1963). Governi popolari-Assedi-Occupazioni-Restaurazioni-Napoleone- StatoPontificio-Regno delle Due Sicilie-Napoleonidi-Restaurazioni dopo il Congresso di Vienna-Moti per l’Indipendenza-Regno d’Italia, Colonie, Albania-Repubblica di San Marino-Stato della Città del Vaticano-Repubblica Italiana, Somalia (A.F.I.S.), n. 16.

Corpus Nummorum Italicorum. Primo tentativo di un catalogo generale delle monete medievali e moderne coniate in Italia o da italiani in altri paesi. Volume I. Casa Savoia, p. 440, n. 2.

L. Simonetti, Monete italiane medioevali e moderne, Casa Savoia da 1056 a 1946, n. 11/1.

E. Montenegro, Monete di Casa Savoia, Regno d’Italia, n. 3.

Rara

Splendida patina azzurra iridescente. Quasi Fior di Conio